RSS

LE DONNE NELL’ARTE – Mary Cassatt

09 Apr

 

Mary Cassatt , nasce  in Pennsylvania  il 22 maggio 1844, all’interno di una famiglia benestante e colta. Suo padre, Robert Simpson Cassatt, è un ricco agente di cambio, nonché  mediatore di terreni, mentre sua madre, Katherine Kelso Johnston, proviene da una famiglia di banchieri. La famiglia si trasferisce  prima a Lancaster poi nella zona di Filadelfia, dove Mary comincia a frequentare la scuola all’età di sei anni.

Più tardi, inizia a fare dei viaggi in Europa, dove ha l’opportunità di visitare molte della capitali del continente, tra cui Londra, Parigi, Berlino. Mentre si trova all’estero, impara il tedesco e il francese e prende le prime lezioni di musica e  di disegno. Il suo primo incontro con gli artisti francesi Ingres, Delacroix, Corot e Courbet avviene verosimilmente durante l’Esposizione Universale di Parigi del 1885, dove  sono presenti, con le loro opere, anche Degas e Pissarro.

Mary Cassatt, appena quindicenne, nonostante l’opposizione della famiglia, inizia a studiare pittura presso la Pennsylvania Academy of the Fine Artsdi Filadelfia. Alcune delle preoccupazioni dei suoi genitori sono dovute, probabilmente, al timore che Mary entri in contatto con idee di tipo femminista, nonché con lo stile di vita bohémien di alcuni degli studenti maschi. Ad un certo punto,però, insofferente all’atteggiamento di superiorità nei suoi confronti degli studenti maschi e degli insegnanti, Mary  interrompe il corso e,  nel 1886 si trasferisce a Parigi, accompagnata dalla madre e da alcune amiche di famiglia, decidendo di studiare i grandi maestri europei da sola, attraverso  lezioni private di alcuni insegnanti dell’ l’École des Beaux-Arts, che lei non può frequentare. Nello stesso tempo, Mary esercita ulteriormente le proprie tecniche e capacità recandosi quotidianamente al Museo del Louvre a copiare le opere esposte. Il museo rappresenta anche un luogo di incontro per le studentesse d’arte francesi e statunitensi alle quali, come alla Cassatt, non è consentito frequentare i café, dove invece si radunano gli esponenti dell’avanguardia dell’epoca. Verso la fine del 1866 entra a far parte del gruppo di allievi di Charles Joshua Chaplin, un noto artista di genere. Nel 1868 studia anche sotto la guida di Thomas Couture, pittore soprattutto di soggetti romantici e paesaggi urbani, il quale, spesso, accompagna i propri studenti a gite in campagna, dove eseguono disegni dal vivo, specialmente di contadini mentre si recano al lavoro. Sempre nel 1868 uno dei dipinti di Mary, Suonatrice di mandolino, viene accettato dalla giuria che effettua la selezione per il Salon di Parigi.

Suonatrice di mandolino

Nel frattempo, artisti del calibro di Courbet e Manet, con le loro idee radicali tentano di distaccarsi dalla tradizione accademica comunemente accettata  e, quindi, di mutare profondamente  la scena artistica francese. Negli stessi anni, si stanno affacciando sulla scena gli impressionisti. Mary Cassatt, invece, continua a lavorare secondo lo stile tradizionale, presentando i propri lavori al Salon per oltre dieci anni, ma con crescente frustrazione personale.

Rientrata negli Stati Uniti nel 1870, riesce ad esporre due dipinti in una galleria d’arte di New York, dove trova molti ammiratori ma nessun acquirente. Nella residenza estiva della famiglia si trova quindi anche a corto di colori e prende in considerazione l’idea di abbandonare l’arte, poiché è decisa a riuscire a condurre una vita economicamente indipendente. In una lettera del luglio1871, così scrive: Ho lasciato il mio studio e abbandonato il ritratto di mio padre, non ho toccato un pennello per sei settimane e non lo farò più fino a che non vedrò qualche possibilità di tornare in Europa. Sono molto impaziente di andare ad ovest il prossimo autunno e trovare un lavoro, ma non ho ancora deciso dove“.

Si reca allora  a Chicago  in cerca di fortuna, ma, nel grande incendio del 1871, perde molti dei suoi dipinti. Poco tempo dopo, l’Arcivescovo di Pittsburgh, attirato dai lavori di Mary, le commissiona due copie di dipinti del Correggio che si trovano a Parma e le anticipa una somma di denaro sufficiente per coprire le spese di viaggio e parte del soggiorno.

In preda all’eccitazione scrive:”O, come sono bramosa di mettermi al lavoro, le dita mi prudono e gli occhi mi si inumidiscono al pensiero di vedere nuovamente un bel dipinto.Parte quindi di nuovo per l’Europa insieme a Emily Sartain, una giovane artista come lei, proveniente da una famiglia di artisti di Filadelfia.

Dopo aver portato a termine il lavoro affidatole dall’arcivescovo, Mary si reca a Madrid e a Siviglia, dove realizza un gruppo di dipinti dal soggetto tipicamente spagnolo, tra cui Ballerina spagnola che indossa una mantilla di pizzi (1873).

ballerina spagnola che indossa una mantilla di pizzi

Toreador-

Torero con giovane ragazza

Nel 1874 fissa la propria residenza in Francia e, dopo un periodo in cui la sua carriera ha un declino notevole, non riuscendo ad esporre alcun dipinto al Salon, Mary viene invitata da Edgar Degas a mostrare i suoi lavori agli impressionisti. Mary, che è una ammiratrice di Degas, accetta il suo invito e, di li a poco, comincia a preparare dipinti per la successiva esposizione impressionista, che avrà inizio nel 1879. A contatto con gli impressionisti, il suo stile guadagna in spontaneità. Mentre prima eseguiva i suoi lavori in uno studio, adesso prende l’abitudine di portare con sé un album per gli schizzi quando si trova all’aria aperta o a teatro e di abbozzarvi le scene che vede. Nel 1878, dipinge per la esposizione impressionista, Ritratto dell’artista (autoritratto),

Autoritratto

Bimba su una poltrona blu

Bimba su poltrona blu

e  Leggendo le Figaro (ritratto di sua madre).

Leggendo le Figaro

Degas esercita una notevole influenza su Mary, che diventa molto abile nell’uso dei pastelli, finendo per realizzare molti dei suoi lavori più importanti con questa tecnica.La popolarità di Mary Cassatt è principalmente dovuta a ad una lunga serie di quadri sul tema della madre con il figlio, che spesso ricordano le Madonne con il bambino, tipiche del Rinascimento Italiano.

Bacio materno (pastello)

Nurse con bambino (pastello)

La nurse che legge alla bimba (pastello)

Bimbo che dorme

Madre che pettina i capelli del bimbo (pastello)

L’esposizione impressionista del 1879 ottiene il successo maggiore, tra quelle fino ad allora organizzate, anche se le critiche contro gli impressionisti continuano ad essere dure. La Revue des Deux Mondes, infatti, scrive:” Il Sig. Degas e la Signorina Cassatt sono tuttavia i soli artisti che si distinguono… e che offrono qualche motivo di richiamo e giustificazione in una pretenziosa esposizione di allestimenti per vetrine e scarabocchi infantili.”. Nello stesso periodo e, sempre sotto la influenza e la guida di Degas, Mary apprende la tecnica dell’ acquaforte. Mary continuerà ad esporre alle successive mostre degli Impressionisti del 1880 e del 1881, mentre nel 1886 prepara due dipinti per la prima esposizione impressionista negli Stati Uniti, organizzata dal mercante d’arte Paul Durand – Ruel. Il suo stile, però, si evolve e si distacca dall’impressionismo in favore di un approccio alla pittura più semplice e diretto.

Il decennio che va dal 1890 al 1900 è il momento più creativo della carriera di Mary, che continua ad essere molto attiva fino al 1910, anno in cui fa anche un viaggio in Egitto, rimanendo molto colpita dalle antiche opere egiziane.

Nel 1911 si ammala di diabete, reumatismi ed è colpita da una forma di cataratta, che la costringe a smettere di dipingere perché è diventata quasi cieca. Ha comunque la forza di abbracciare la causa del voto alle donne e, nel 1915, presenta 18 opere ad un’esposizione organizzata per supportare il movimento. Muore il 14 giugno 1926 a Chateau de Beaufresne, vicino a Parigi.

OPERE DI MARY CASSATT

Maternità

Summertime

 

 

Donna in nero

The Bath

Signora alla tavola del the

 

Ritratto di ragazza

Ritratto di Madame A.F.Aude e delle due figlie

 
1 Commento

Pubblicato da su 09/04/2011 in Le donne nell'arte

 

Tag: , , ,

Una risposta a “LE DONNE NELL’ARTE – Mary Cassatt

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: