RSS

Archivi categoria: Cinema

Cinema – I Tre Moschettieri

Ritorna nelle sale un classico della cinematografia :I Tre Moschettieri“, la cui uscita in Italia (anche nella versione in 3D) è prevista per il 14/10/2011. Diretto da  Glen MacPherson, il film,, come è noto, si ispira all’omonimo romanzo di A.Dumas e racconta le avventure dei tre valorosi moschettieri,  Athos, Porthos e Aramis, al servizio del Re di Francia a cui poi si affiancherà il giovane D’Artagnan, spavaldo aspirante moschettiere.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 09/10/2011 in Cinema

 

Cinema – Tura Satana

E’ stata una icona hot vincente degli Anni Sessanta. Maggiorata, ballerina esotica e protagonista indiscussa nel cult movie di Russ MeyerFaster, Pussycat! Kill! Kill!, (nel ruolo della perfida Varla), fu il sogno proibito di tutti i ragazzini che ascoltavano Elvis Presley e si mischiavano agli adulti nei cinema a luci rosse. 

Tura Satana, il cui vero nome è Tura Luna Pascual Yamaguchi , nasce  a Hokkaidō (Giappone), il  10 luglio 1938, da padre giapponese di origini filippine, attore di film muti, e da madre statunitense di origini cherokee, scozzesi e irlandesi che di professione faceva la contorsionista. Tura, ebbe una infanzia difficile: proprio a causa della nazionalità del padre, ancora piccola, fu internata con la famiglia nel campo di concentramento di Manzanar, in California, dove negli anni della Seconda guerra mondiale vennero rinchiusi oltre 110 mila americani originari del nemico Giappone.  Dopo la liberazione, andò a vivere a Chicago, in un quartiere che lei stessa definiva «un po’ italiano, ebreo e polacco, praticamente il sobborgo mafioso della città». Tura, sviluppò i seni molto presto e, nonostante fosse una studentessa eccellente, fu spesso derisa dai suoi compagni della James A. Riis Elementary School per i suoi tratti somatici asiatici. Tura stessa racconta che, pur essendo diventata una campionessa di atletica, venne a lungo discriminata e maltrattata dalle compagne ed isolata dal resto del gruppo. Senza amiche, faceva sempre lo stesso percorso da sola per tornare a casa. Fu proprio in uno di quei giorni, quando aveva appena 9 anni, che un gruppo di 5 uomini la stuprò. Questo spinse la ragazza a imparare dal padre le arti marziali, come l’aikido e il karate per difendersi e, a 15 anni, riuscì a rintracciare gli uomini che l’avevano violentata e, secondo i suoi racconti, si vendicò di ciò che le avevano fatto subire.

A 13 anni si sposò con un ragazzo di 17 con un matrimonio combinato (era stato scelto un ragazzo bellissimo dai suoi genitori per convenienza, visto che lo stupro sembrava averla macchiata socialmente), divorziando nove mesi dopo. Dopo l’annullamento del primo matrimonio,  Tura sposerà John Satana nel 1951, dal quale prenderà il cognome.

Rinchiusa in un riformatorio, trovò lì le sue prime amicizie, entrando a far parte di una gang di ragazze, a Chicago, chiamata “gli Angeli“, che indossavano le stesse giacche in pelle, jeans e stivali.dei motociclisti.  Uscita dal riformatorio, viaggiò fino a Los Angeles sotto identità fasulla e riuscì a farsi assumere, mentendo sull’età, come cantante blues. Ma il mestiere di cantante non era redditizio e, così, cominciò a lavorare anche come fotomodella in costume da bagno e di nudo. 

Costretta a tornare a Chicago dai suoi genitori, a causa di un avvelenamento, che le provocò delle violente abrasioni cutanee, una volta guarita, cominciò a lavorare prima come venditrice di sigari e sigarette in alcuni teatri, poi, come ballerina di burlesque, diventando ben presto una delle spogliarelliste più esotiche sulla piazza che dide del filo da torcere a professioniste dell’epoca come Rose Le Rose, Tempest Storm, ecc.Raggiunta la maggiore età, a causa di una gravidanza, dovette rinunciare temporaneamente al suo sogno di fare l’attrice cinematografica e di essere diretta dal regista Harold Lloyd, che, appunto, le aveva promesso che avrebbe fatto di lei una star del cinema. Dopo la nascita della piccola Kalani, tornerà, però,  a sognare il cinema.

In quel periodo, Tura fu anche una delle primissime “fidanzatine” di  Elvis Presley. Appena diciassettenne, Elvis, rimasto affascinato da uno spettacolo dell’allora ventenne Satana, per «il modo in cui lei muoveva il suo corpo e teneva in ostaggio i marinai, come oggetti sessuali». le propose di sposarla, ma lei rifiutò. Si scambiarono comunque un anello per ricordarsi della loro relazione. La leggenda vuole che Tura abbia insegnato a Elvis come si bacia una donna, e che fino alla fine dei suoi giorni abbia indossato l’anello che lui le regalò.

Nel 1963 debuttò nel cinema, interpretando il ruolo della prostituta, parigina di origini nipponiche Suzette Wong, in Irma la dolce, di Billy Wilder con Jack Lemmon e Shirley MacLaine. Entrata in contatto con il regista Daniel Mann, lavorerà in due dei suoi film: Le cinque mogli dello scapolo (1963) con Dean Martin e il più conosciuto Il nostro agente Flint (1966). Nel film   interpreta la parte di una spogliarellista.Dopo aver interpretato alcuni film per la televisione, nel 1965 avvenne l’incontro che le cambiò la vita: Russ Meyer, leggendo un’inserzione sulla rivista Variety, la scelse per interpretare la parte di Varla nel suo Faster, Pussycat! Kill! Kill! (1965). Grazie a Meyer, Tura diventa Tura Satana, imponendosi con Haji e Lori Williams come protagonista. La pellicola, che racconta le avventure on the road di tre spogliarelliste alla fine del loro turno di lavoro, diventa prima un film underground e poi, dal 1994, un cult mondiale. Il personaggio di Varla, che appare in stivali, guanti e maglia nera aderente, è una spogliarellista a capo di una gang, che include altre due giunoniche ragazze, Billie e Rosie, a caccia di soldi e guai nel deserto, solcato a bordo di potenti automobili. Tra piccoli ranch e stazioni di servizio le tre delinquenti sequestrano, uccidono e riempiono di botte una serie di malcapitati.

 

Aggressiva, sessualmente disinibita, la sua Varla entra nei sogni degli americani puritani. Il film fu girato nel deserto al confine con Los Angeles, fra notti gelate e mattine assolate, e a Tura venne data persino la responsabilità legale dell’allora attrice adolescente del film, Susan Bernard, che venne messa sotto la sua protezione.

Grazie a questo film Tura divenne una vera e propria icona del genere exploitation, venerata dai fans e amata da registi come Quentin Tarantino.

Dopo il suo primo successo Tura comparve in altri B-movies, come The Astro-Zombies1968) e The Mark of Astro-Zombies (2002). Ma la sua notorietà resta legata alla figura vampiresca di Varla.

Tura Satana: Varla Tura Satana morirà il 4 febbraio 2011 a Reno, in Nevada, per un attacco cardiaco

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21/07/2011 in Cinema

 

Tag: , , , , , , , , ,

Cinema – Dita Parlo

 Nata a Stettino (nell’attuale Polonia) il 4 settembre 1906, Grethe Gerda Kornstädt, in arte  DITA PARLO, è stata un’attrice del cinema tedesco e francese tra la prima metà degli anni ’20 e la fine degli anni ’30. Dita, inizia la sua carriera di attrice in Germania, debuttando nel 1928 nel film di Joe May Heimkehr (“Il canto del prigioniero”) accanto a Lars Hanson e Gustav Frölich e Die Dame mit der Maske ed inizia a farsi conoscere grazie ai film L’imperatrice perdutaRapsodia ungherese e La sposa del Danubio, diventando molto popolare in Germania e in Francia.

 In Germania ha, però,parti minori, in “Au bonheur de dames” di Duvivier, “Ungarische Rapsodie” di Hanns Schwarz, “Manolescu” di Viktor Tourjansky (con Ivan Mozuchin).I film che l’hanno resa più celebre sono L’Atalante di Jean Vigo (1934) e La grande illusione di Jean Renoir.(1937), dove interpreta il ruolo di una contadina.Sempre nel 1937 è Mademoiselle Docteur  nel film di Georg Wilhelm Pabst 

Due scene memorabili tratte da “L’Atalante” di Jean Vigo

La Grande Illusion (1937) Trailer

Nel film L’Atalante del 1934, Dita ha il ruolo di coprotagonista. Sempre nello stesso anno, in Svizzera, per la regia di D. Kirsanoff, interpreta un ruolo nel film Rapt

Dita Parlo-Rapt (1934)

   

DITA PARLO,PIERRE DE GUINGAND E A VOZ DE ARACY CORTES

(scene dal film  “Au bonheur de dames”)

Successivamente tentò di costruirsi una carriera nel cinema americano, ottenendo un paio di ruoli in film hollywoodiani, ma a causa dello scarso successo delle pellicole, non fu in grado di estendere la propria fama oltre l’EuropaL’attrice era stata scritturata da Orson Welles come protagonista femminile dell’adattamento cinematografico del romanzo di Joseph Conrad Cuore di tenebra, ma il progetto non andò mai in porto.             Tornata in Francia, venne arrestata con l’accusa di collaborazionismo, Dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale tornò in Germania dove iniziò il suo declino, non lavorando per oltre dieci anni  Nel 1950, Dita riappare sulle scene cinematografiche, nel film Giustizia è fatta, ma rimane ferma per altri quindici anni per poi recitare, in Francia, nel suo ultimo film La dame de pique del 1965. per la regia di Leonard Keigel 

In tempi più recenti, la sua figura è stata di riferimento a Madonna, che ha adottato il suo nome per il libro fotografico Sex e per l’album Erotica

Inoltre la regina delBurlesqueDita Von Teese, ha preso il suo nome omaggiandola.

 

 
1 Commento

Pubblicato da su 25/06/2011 in Cinema

 

Tag: , , , , , , , ,

Cinema – “Pirati dei Caraibi 4 -Oltre i confini del mare”.

Sarà proiettato nelle sale cinematografiche il 18 maggio 2011 il nuovo film diretto da Rob Marshal, della serie “Pirati dei Caraibi”, il quarto per la precisione, con Jonnhy Deep e Penelope Cruz, nella parte di Angelica

ECCO IL TRAILER

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 09/05/2011 in Cinema

 

Tag: ,

Cinema – “Se sei così ti dico di si”

Dopo una breve apparzione in Tv nella fiction del Commissario Montalbano, Belen Rodriguez fa la sua prima apparizione cinematrogafica nella commedia:  ‘Se sei così ti dico di sì’, con Emilio Solfrizzi. Il film, già in programmazione nelle sale, racconta la storia di Piero Cicala (Solfrizzi), ex cantante degli anni ‘80, pieno di debiti e sconfitto dalla vita, che viene richiamato in una di quelle trasmissioni tv che senza pietà ripropongono le meteore del passato. Durante il suo viaggio dalla provincia pugliese a Roma, incontra Talita-Belen, grazie alla quale ritroverà la voglia di vivere e di cantare.

GUARDA IL TRAILER

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17/04/2011 in Cinema

 

Tag: , ,

Cinema

Sotto il vestito niente – L’ultima sfilata

Un film thriller di Carlo Vanzina. Con Francesco Montanari, Vanessa Hessler, Richard E. Grant, Giselda Volodi, Virginie Marsan.

Una celebre e biondissima top model, di nome Alexandra, alla fine di una sfilata, nel famoso atelier dello stilista Marinoni (Richard E. Grant), mentre sta andando a festeggiare a casa di amici, viene investita a Milano da un pirata della strada. Sul luogo dell’incidente giunge Vincenzo Malerba, un ispettore siciliano, il quale fin dall’inizio nutre forti dubbi che si tratti di un incidente. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28/03/2011 in Cinema

 

Tag: , ,

Cinema

Sucker Punch è un film del 2011 diretto da Zack Snyder.[1][2]
Il cast, quasi esclusivamente al femminile, comprende Emily Browning, Vanessa Hudgens, Abbie Cornish, Jamie Chung e Jena Malone. La trama segue le vicende di una giovane ragazza negli anni ’50 sul punto di essere lobotomizzata, che decide di evadere dal manicomio in cui è rinchiusa insieme alle sue amiche detenute.

La sceneggiatura, che è stata scritta da Snyder e Shibuya, è stata realizzata tra vari ritardi e problemi in cinque anni e inizialmente il progetto di Sucker Punch era previsto per uscire prima della trasposizione di Watchmen. Dati i lunghi tempi necessari alla lavorazione, Snyder decise di usare gran parte del cast tecnico e set di Watchmen anche per Sucker Punch per non spendere ulteriore tempo.(fonte Wichipedia)

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25/03/2011 in Cinema

 

Tag: